RdG Amministrazioni
Riaccatastamento
http://www.rdgamministrazioni.it/catastale.html

© 2018 RdG Amministrazioni

 

Associazione Nazional-europea AMMinistratori d'Immobili

n. iscr. T558

 

 

 

 

Professione esercitata ai sensi della Legge 14 gennaio 2013 n. 4
(G.U. n. 22 del 26/1/2013)

Le Sanzioni

Chi ha presentato la DIA a suo tempo semplicemnete dimenticandosi di richiedere la variazione catastale, potrà mettersi in regola pagando circa 700 euro.
Se gli interventi sono stati effettuati senza richiedere il permesso del Comune, è possibile mettersi in regola, a patto che non si tratti di veri e propri abusi edilizi, ossia di opere per le quali sarebbe stata necessaria la licenza edilizia e non la semplice DIA.
Il responsabile dell'abuso, o l'attuale proprietario dell'immobile, possono ottenere il permesso in sanatoria se l'intervento risulta conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della sua realizzazione sia al momento della presentazione della domanda. M
ettersi in regola è possibile anche in questo caso, ma ad un prezzo più caro, oltre che per il tecnico: l'articolo 16 della legge prevede che per il rilascio del permesso in sanatoria occorra pagare, a titolo di oblazione, il doppio del contributo di costruzione dovuto. il contributo è fissato dai singoli Comuni.

Catastale

Riaccatastamento ed aggiornamento delle planimetrie catastali

Dal  1º luglio 2010 l'articolo 19 Dl. 78/2010 stabilisce che i contratti di compravendita e di locazione di immobili urbani dovranno contenere, pena la nullità, tre dati essenziali: dati catastali, riferimento alle planimetrie depositate in catasto, una dichiarazione con cui gli intestatari affermano che la situazione reale dell'immobile è  conforme a quanto risulta da dati catastali e planimetrie. Nel contratto di compravendita il Notaio è tenuto a controllare che gli intestatari catastali siano identici a quelli che compaiono nei registri immobiliari, mentre non si potrà registrare un contratto di locazione senza questi tre dati essenziali.

Deve aggiornare i dati chi ha fatto all'immobile delle variazioni  che comportano una nuova rendita catastale, come la costruzione di una mansarda o la chiusura di un balcone.
Naturalmente deve farlo anche chi non ha mai avuto una piantina registrata al catasto (come nel caso di vecchie case).
Gli interventi per cui è necessario modificare le mappe catastali sono, in generale, quelli che alterano la composizione dell'immobile, come ampliamenti, sopraelevazioni, parziali demolizioni.

Chi non deve modificare i dati catastali?

Chi ha solamente spostato una porta o un tramezzo, senza alterare il numero e la funzionalità dei vani. Sono escluse infatti le modifiche interne che non alterano la destinazione d'uso e i valori catastali.

Come sanare eventuali irregolarità?

Chi ha presentato a suo tempo la DIA dimenticandosi di richiedere la variazione catastale, potrà mettersi in regola pagando circa 700 euro: se, invece, gli interventi sono stati effettuati senza richiedere il permesso del Comune, è possibile mettersi in regola, sempre che non si tratti di veri e propri abusi edilizi, ossia di opere per le quali sarebbe stata necessaria la licenza edilizia e non la semplice DIA.
Il responsabile dell'abuso, o l'attuale proprietario dell'immobile, possono ottenere il permesso in sanatoria se l'intervento risulta conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della sua realizzazione sia al momento della presentazione della domanda.